Giovedì, 24 Giugno 2021
Sport

Calcioscommesse: ancora ombre sul match Pisa-Albinoleffe

Mentre la società è in stand-by sia per il calciomercato che per la scelta della sede del ritiro, da Roma arrivano conferme sulla combine di Pisa-Albinoleffe del 7 marzo 2009

Nel processo di Cremona sul calcioscommesse sembra diventata ormai una strana consuetudine confessare spesso anche un po' a casaccio, sperando in un forte sconto della pena sulla scia di come lo è stato sin qui. In pratica i giocatori sembrano sentirsi dire “fammi qualche nome che avrai una pena molto lieve”. E così squadre, giocatori, nomi, partite, scommesse si accavallano spesso senza una sequenza lineare e veritiera.

La partita in questione è Pisa-AlbinoLeffe del 7 marzo 2009 terminata 2-0 con le reti di Greco e Antenucci (tra l'altro l'unico dell'ex Catania in maglia nerazzurra). Dai verbali si evince che Gervasoni deve valutare se la combine è fattibile provando a tastare il polso della situazione con i compagni. Il portiere Narciso il 7 marzo afferma:”Gervasoni solletica molto signorilmente i compagni con l'idea di guadagni facili, visto che non ci sarebbe convenuto raggiungere i playoff in quella stagione, perché l'anno precedente, pur avendo conquistato quella posizione, il presidente (Andreoletti, ndr) non aveva onorato il risultato con premi adeguati”.

L'attaccante Ruopolo in una prima fase sembra esser contrario, salvo poi confessare:”Qualche giorno dopo ho incontrato a Bergamo Gervasoni e Carobbio. Con i due sono salito in auto e tornarono sull'argomento dicendo che eravamo ancora in tempo a combinare la partita. (...) Pur titubante e senza alcun motivo economico, mi sono lasciato convincere". Da lì, l'incontro con due individui. Gli stessi, probabilmente, che rientrano da protagonisti anche nel racconto di Kewullay Conteh. "Ci recammo nel parcheggio dell'albergo San Marco, davanti al quale era parcheggiato un suv di colore nero con a bordo due persone e una terza in piedi. Gervasoni si mise a parlare con la persona all'esterno dell'auto e, subito dopo, mi invitò ad entrare con Gervasoni in auto, mentre uno dei due occupanti ne discese, questa persona tirò fuori da una borsa dei soldi in banconote da 500 euro, racchiusi con un elastico". Proprio oggi Francesco Ruopolo (ex di Atalanta e AlbinoLeffe) ha confessato anche davanti al Giudice per le indagini preliminari la combine per 4 partite contro Pisa, Frosinone, Salernitana e Rimini. Ha detto di aver ricevuto 15mila euro in due occasioni e in una delle due di averli dovuti restiturire perché non era stato segnato il terzo gol che avrebbe dato la vittoria all’AlbinoLeffe. Ha detto che il comportamento di Gervasoni era funzionale ai risultati: difendeva se c’era da perdere e attaccava se c’era da vincere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


MERCATO: Prima di procedere a tambur battente, Lucchesi aspetta di conoscere quale potrà essere realmente il budget a disposizione per il prossimo mercato, pur tenendo aperte molte porte in questo momento. Il presidente Battini infatti sta temporeggiando per capire se, come inevitabilmente sembra, dovrà andare avanti con le proprie forze oppure se ci possa essere la concreta possibilità di un ulteriore ingresso in società, sempre però con quote di minoranza. In primis si cercherà di trattenere elementi come Favasuli, Perna e Tulli, ma più passa il tempo e più le cose potrebbero complicarsi.

RITIRO: Intanto la società, con l'aiuto dell'assessore Salvatore Sanzo, sta valutando le possibilità per le località in vista del ritiro estivo. Si cercherà di rimanere nella provincia, scartando però per ovvi motivi le località del Trentino Alto Adige.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcioscommesse: ancora ombre sul match Pisa-Albinoleffe

PisaToday è in caricamento