Maltempo in Toscana, allagamenti a Pisa: treni ko e circolazione bloccata

Più di 150 mm di acqua caduti in tre ore. Si segnalano disagi alla stazione centrale, all'aeroporto e alla circolazione stradale con i sottopassi completamente allagati. Interruzioni di corrente elettrica in diverse zone e all'Ospedale di Cisanello

Più di 150 mm di acqua caduti durante la notte con allagamenti e disagi in diverse zone della provincia pisana ed in particolare nel territorio di Cascina.
Il maltempo delle ultime ore sta creando non pochi problemi in città: ritardi ed allagamenti si segnalano alla stazione centrale, dove il forte vento e la pioggia potrebbero aver causato danni alle linee. Ritardi di oltre un'ora sulla tratta Firenze-Pisa, per tutti i regionali. Squadre delle Ferrovie sono al lavoro per ripristinare la circolazione. Rallentamenti anche sulla Fi-Pi-Li per materiali dispersi fra Pisa Nord-est e Pisa aeroporto in direzione Pisa. Annunciati ritardi anche per tutti i voli in partenza dal Galilei.

>>> BLOCCATA CON L'AUTO NEL SOTTOPASSO ALLAGATO <<<

Situazione critica all'Ospedale di Cisanello dove è saltata l'energia elettrica mentre era in corso un intervento chirurgico. Sono subentrati i gruppi sussidiari di supporto e l'intervento è poi proseguito regolarmente. Una squadra dei Vigili del Fuoco è sul posto per fornire supporto nel caso di ulteriori problemi.

Danni anche sulle linee Enel. Molte le zone rimaste senza elettricità per rami caduti sui cavi dell'alta tensione e a causa dell'acqua che ha invaso i pozzetti delle centraline e i contatori. Via Santa Bona è senza luce dalle 7.30, ma in altre zone della città le connessioni mancano dalla notte. Già al lavoro anche operai della società per ripristinare la normalità. Problemi anche a Marina di Pisa con sversamento di liquami su viale Tirreno.

Viabilità completamente bloccata con molti sottopassi allagati che rendono difficili anche le operazioni di soccorso, soprattutto per le ambulanze che non riescono a raggiungere le abitazioni e l'Ospedale di Cisanello.

Numerosissime, poi, le richieste di intervento ai Vigili del Fuoco, principalmente nella zona di Pisa. Gli interventi riguardano principalmente allagamenti e danni da infiltrazioni di acqua. La sala operativa è tuttora 'completamente bloccata dalle richieste di intervento' dicono i Vigili del Fuoco. Più di 100 gli interventi ancora da evadere da parte dei Vigili del Fuoco, 9 le squadre messe in campo dai pompieri.

È emergenza allagamenti anche a Cascina, dove si concentrano molti delle squadre dei pompieri. Per far fronte alle richieste di aiuto, il comando ha raddoppiato i turni e rinforzi sono arrivati anche dalle stazioni delle province vicine.

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

ORE 20.00. Enrico Rossi a Pisa: "Dichiareremo lo stato di emergenza regionale"

ORE 18.45. A Pisa via dell’Aeroporto, via S. Agostino, via Cerboni e Via Piastroni sono state riaperte al traffico. In via Pungilupo 39/A e in Piazza Bartolo da Sassoferrato risultano ancora allagamenti. Migliorata la situazione in via Malpighi e via Cocchi, rimane critica la situazione in via Maggiore di Oratoio e dello stesso sottopasso.

ORE 18.15. Circolazione ferroviaria verso la normalità, dal pomeriggio di oggi, nel nodo di Pisa, dopo i rallentamenti in atto dalle 6.00 di questa mattina. Fino alla fine della giornata, fanno sapere dalle Ferrovie, saranno comunque possibili cancellazioni o modifiche, effetto della necessaria riprogrammazione dei servizi. Attivo durante la giornata un servizio sostitutivo di autobus a sostegno della mobilità dei passeggeri sulle linee afferenti il nodo di Pisa.
Sono stati circa 60 gli agenti di Rete Ferroviaria Italiana – coordinati dai centri operativi subito attivati – che sono intervenuti sul posto per garantire attività di drenaggio e ripristinare la regolare funzionalità dell’infrastruttura e degli impianti di circolazione. Complessivamente sono state 150 le risorse impiegate da RFI oggi in regione per far fronte ai danni provocati dal maltempo sulle diverse linee.

ORE 17.30. Ospedali, l'Aoup: "Situazione in via di risoluzione"

ORE 17. I Cobas sugli ospedali: "La situazione è peggiore, l'Aoup non ammette le criticità"

ORE 16.50. Enel comunica che proseguono gli interventi delle squadre operative in alcune zone della città prive di energia elettrica. Già risolte molte situazioni, permangono alcune criticità con interventi tuttora in corso nelle zone di Oratoio, Ospedaletto, San Marco per quanto riguarda Pisa e a Cascina.
A causa degli allagamenti che hanno danneggiato armadi stradali, scatole di derivazione e vani contatori, spesso gli interventi riguardano singoli clienti o gruppi ristretti di utenze, su cui stanno lavorando 35 operativi sul campo coadiuvati dai tecnici del Centro Operativo. Salvo ulteriori peggioramenti meteo, Enel prevede di riportare la situazione alla normalità entro la serata.

ORE 16.30. Il Comune di Pisa invita i cittadini a documentare, anche con fotografie, i danni riportati nelle abitazioni civili e per le attività economiche.

ORE 16.10. Le squadre dei Vigili del Fuoco che stanno operando su Pisa sono complessivamente 10 con il supporto dei comandi di Livorno, Lucca e Prato.
Le richieste di intervento sono state circa 300 di cui 100 evase, ne rimangono ancora 200, anche se la maggior parte di queste si risolvono da sole in quanto il livello delle fogne sta calando notevolmente. Le richieste di intervento comunque, fanno sapere dalla sala operativa, continuano ad arrivare.

ORE 15.30. PROLUNGATA L'ALLERTA METEO

ORE 15. A Pisa ancora criticità su Cisanello, zona stazione, S.Ermete, S.Giusto, Putignano, Riglione e altre zone localmente allagate. Manca energia elettrica in alcune zone note a ENEL che sta operando per il ripristino compatibilmente con i livelli idrici. I pompaggi a Pisa Sud continuano a ritmo di 12 mc/sec e i livelli a Pisa Nord si stanno piano piano abbassando: sono saliti di 120 cm in due ore e si sono abbassati di 20 cm in 6 ore. "Servirà tempo anche perché 150 mm di pioggia (in meno di 3 ore) significano 1.5 milioni di metri cubi d'acqua ogni 10 Kmq di territorio" afferma il vicesindaco Paolo Ghezzi.

ORE 14.45. Anche a Cascina si sono registrati numerosi allagamenti: ecco la situazione.

ORE 13.45. Annullati gli impegni in agenda, il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, si recherà a Pisa per un sopralluogo in città dopo i gravi disagi causati dalle forti precipitazioni delle ore scorse. L'arrivo del presidente, che sta rientrando da Roma, è previsto per le ore 16. Il primo incontro, al quale parteciperà anche l'assessore all'Ambiente Federica Fratoni, è previsto presso il Comune di Pisa.

ORE 13.15. La nota della Prefettura con il punto della situazione.

ORE 12.35. Crolla un tetto in via del Tondo a Pisa.

ORE 12.30. Riaperto il sottopasso di via Conte Fazio.

ORE 12.10. La situazione nelle stazioni ferroviarie allagate sta cominciando a normalizzarsi, anche se la stazione di Navacchio resta bloccata e raggiungibile solo con i servizi alternativi su bus. "Ho chiesto a Trenitalia e Rfi - dice l'assessore regionale ai Trasporti Vincenzo Ceccarelli - di agire per limitare al massimo i disagi per pendolari e utenti. Gli uffici regionali rimarranno in contatto costante con i gestori per monitorare l'evolversi della situazione".

ORE 12.05. Enel comunica che sono in corso gli interventi delle squadre operative in alcune zone della città di Pisa prive di energia elettrica: non si tratta di guasti tecnici agli impianti, che hanno risposto con efficienza alle sollecitazioni del temporale, ma di interruzioni temporanee a causa delle aree allagate in cui sono presenti le cabine secondarie di trasformazione, da media a bassa tensione.
In collaborazione con i Vigili del Fuoco, Enel interviene per ripristinare il servizio elettrico non appena gli impianti vengono liberati dall’acqua. Trattandosi di cabine secondarie, le aree di interruzione sono abbastanza circoscritte e interessano i quartieri di Oratoio, Ospedaletto, alcune vie del centro, un tratto lungo l’Aurelia e località fuori città tra Vicopisano e Casciana Terme. 

ORE 11.44. La situazione negli ospedali di Cisanello e Santa Chiara

ORE 11.30. La Confesercenti chiede lo stato di calamità

ORE 11.15. Ospedali pisani allagati: la denuncia dei Cobas

ORE 11.05. Situazione della linea ferroviaria: "Dalle 6.00 di questa mattina la circolazione ferroviaria nel nodo di Pisa risulta rallentata a causa del maltempo che sta interessando la zona di Pisa e La Spezia, provocando allagamenti della sede ferroviaria - fanno sapere dalle Ferrovie - i tecnici di Rete Ferroviaria Italiana sono al lavoro per ripristinare la normale circolazione. La circolazione ferroviaria è stata riprogrammata. Ritardi medi fino ad un’ora e possibili cancellazioni di alcuni collegamenti regionali sulle linee: Pisa – Firenze, Pisa – Lucca, Pisa – Livorno e Pisa – La Spezia. In particolare, sulla linea Pisa – Firenze la circolazione è stata interrotta tra Pisa e Pontedera fino alle 10.00. Durante l’interruzione i collegamenti tra Pisa e Firenze sono avvenuti via Lucca. Attivato un servizio con 7 autobus sostitutivi.

ORE 11. Il sistema dei Fossi si è caricato tanto da non consentire il deflusso della rete fognaria. Interrotta per alcune ore la Ferrovia Tirrenica e la linea PI-FI ora ripristinate. Allagate molte strade della zona Cisanello S.Michele, Riglione, S.Giusto, Stazione, S. Ermete. Attivi sistemi di pompaggio di Pisa Sud e al Marmigliaio.

ORE 10.35. All'ospedale Cisanello sono finiti sott'acqua numerosi locali di servizio e ambulatori che si trovano nei seminterrati ma non si registrano problemi per i pazienti. Disagi e difficoltà anche nel reparto dialisi. In tutti i padiglioni sono garantite per ora solo le urgenze mentre sono state rinviare tutte le altre attività.

ORE 10.30. Dal Comune di Pisa fanno sapere le strade chiuse per allagamenti (elenco parziali): via Garibaldi, via Vespucci, via Santermete, via Bona, via di Putignano, via Lucchese, via di Gello, via Scornamiglio, via dei Piastroni, via delle Immaginette, via Galvani, via Parigi, via Maccatella, via Trincere, via dell’Arginone, via San Michele degli Scalzi, via Braccitorsi, via Sanguigno.

ORE 10.20. Allagamenti anche sul litorale. Lo sfogo del consigliere comunale Giovanni Garzella.



ORE 10. La Protezione Civile comunale di Pisa in stato di massima allerta e dislocata nei punti nevralgici della città per assistere la popolazione. Lunghe code sia a Nord sia a sud dell'Arno. Alle 10.30 riunione straordinaria in Prefettura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1.200 nuovi positivi, 236 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento